La storia dello strigo, Geralt di Rivia, è un racconto di ascesa e popolarità. L’idea, nata dal mente geniale di Andrzej Sapkowski. Ha lentamente conquistato il vecchio e il nuovo continente. Su Geralt di Rivia sono stati scritti una serie di romanzi e alcuni racconti fantasy. Libri e racconti sono stati scritti tra il 1990 e il 1999 e nel 2013. La serie completa è, per la precisione, composta da due raccolte di racconti e sei romanzi. Dai libri l’ascesa è stata poi repentina e il successo ha dello strigo ha abbracciato numerosi campi, andando dalla carta stampata, al mondo dei videogiochi, fino a sbarcare in tv, su Netflix.

Saga di Geralt di Rivia

Geralt di RiviaPartiamo facendo la conoscenza del personaggio principale. Geralt di Rivia è uno strigo, un mutante sterile con abilità sovrumane. A seguito di un addestramento particolare, è diventato un uccisore professionista e su commissione, di mostri. È conosciuto anche come il “macellaio di Blaviken” e “il lupo bianco”. Vaga per il continente a caccia di mostri, in cambio di denaro. Per uccidere i mostri utilizza una particolare spada d’argento, mentre per gli uomini ne ha una in acciaio. Nonostante spesso e volentieri si riveli essere l’unica speranza per i villaggi e i suoi abitanti, non viene visto di buon occhio. La sua razza è considerata feccia dal resto del mondo, mutanti pericolosi e portatori di guai. Qualche volta viene persino accusato di essere lui stesso la calamita che attrae i mostri che poi caccia per denaro.

Kaer Morhen

Geralt è stato addestrato nella fortezza di Kaer Morhen. Per secoli è stata luogo di addestramento e formazione dei witcher. l’addestramento che Geralt di Rivia ha dovuto sopportare, ha previsto l’utilizzo di svariati elisir mutageni, i cui segreti sono andati perduti. Per questo motivo, è stato sottoposto ripetute volte a rituali alchemici che ne hanno mutato geneticamente l’aspetto e le caratteristiche, conferendogli una longevità fuori dal comune e dei poteri sovrumani. I giovani strighi che sopravvivono a questi rituali, subiscono delle trasformazioni irreversibili.

I personaggi principali

I personaggi del mondo di Geralt sono moltissimi e i loro destini si intrecciano lungo tutto il cammino. Tra i più ricorrenti, importanti e popolari troviamo:

Cirilla

Nipote della regina Calanthe di Cintra e figlia di Pavetta, e quindi portatrice del Sangue Antico e capace di manipolare tempo e spazio per viaggiarvi attraverso.

Yennefer di Vengerberg

maga eccezionale e incredibilmente bella, ma dal carattere burrascoso. Intreccia più volte storie amorose con il protagonista della saga.

Ranuncolo

Forse il bardo più famoso del mondo, con uno spiccato talento artistico e un marcato senso goliardico.Il miglior amico di Geralt.

Milva

giovane cacciatrice e arciera prodigiosa, è la prima a unirsi a Geralt e Ranuncolo nella loro ricerca di Ciri.

Emiel Regis Rohellec Terzieff-Godefroy

vampiro ultracentenario, saggio e riflessivo che si unirà al gruppo di geralt alla ricerca di Cirilla.

Cahir Mawr Dyffryn aep Ceallach

soldato nilfgaardiano che aveva il compito di portare Cirilla all’imperatore che ala fine si unirà alla compagnia di Gralt di Rivia a sostegno e protezione di Cirilla.

Triss Merigold

Maga amica di Geralt, innamorata dello strigo, lo ammalia per passare almeno una notte con lui. Tutto questo nonostante Geralt fosse innamorato di Yennefer e lei fosse grande amica di Yennefer stessa.

CD Projekt

Geralt di RiviaDalla carta stampata dei libri, le avventure di Geralt di Rivia sono passate a quelle del mondo dei videogiochi. La CD Projekt, ha prodotto il primo progetto di The Witcher nel 2007. Progetto che riscosse un notevole successo, nonostante la CD Projekt fosse una neofita in questo settore. Il progetto ha continuato poi ad evolversi nel 2011 con il secondo capitolo della saga: the Witcher 2: Assassins of Kings e nel 2015 con The Witcher 3: Wild Hunt. É con il terzo numero della saga che il videogioco ha ricevuto il maggior consenso assoluto. Acclamato dalla critica internazionel, è stato proclamato come il miglior gioco di tutti i tempi per pc. Di conseguenza, grazie a questo enorme successo, la CD Projekt è diventata un colosso dell’industria videoludica, rendendo più che popolare la saga di The Witcher in tutto il mondo.

The Witcher: la serie tv su Netflix

E arriviamo infine al piccolo schermo. A Geralt di Rivia viene finalmente dato un volto in carne ed ossa, grazie alla produzione, molto ambiziosa, della piattaforma Netflix. Per il progetto viene coinvolta, niente meno che a prima showrunner Lauren Schmidt Hissrich, già sceneggiatrice di altri prodotti del colosso dello streaming come Daredevil, The Defenders e The Umbrella Academy.
La serie viene girata tra i fantastici paesaggi di Ungheria e Gran Canaria. Otto episodi in tutto (almeno per iniziare). Ad interpretare i personaggi principali troviamo:
Henry Cavill (Man of Steel, Operazione U.N.C.L.E.) nei paddi proprio del magnifico Geralt di Rivia;
Freya Allan (Into the Badlands), che interpreta Cirilla;
Anya Chalotra (Agatha Christie – La serie infernale) che interpreta la splendida Yennefer.